• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Blog » Ventimiglia, un’emergenza che nessuno vuole risolvere
25/05/2016 Ventimiglia, un’emergenza che nessuno vuole risolvere

È evidente e sotto gli occhi di tutti che l’emergenza migranti a Ventimiglia non è stata risolta dalla passerella di Alfano lo scorso 7 maggio e che la decisione di chiudere il centro di prima accoglienza gestito dalla Croce Rossa ha reso le cose ancora più difficili, visto che il risultato è che ora i migranti sono costretti a dormire in luoghi di fortuna, come lungo la riva del torrente Roja.

Il centro di prima accoglienza è stato chiuso il 10 maggio dando ampie rassicurazioni che l’emergenza era finita, eppure ad oggi le presenze restano costanti, i dati sulla distribuzione dei pasti effettuata da Croce Rossa e Caritas lo dicono chiaramente: la media è di 200 pasti a pranzo e altrettanti a cena. Ad oggi nessuna misura alternativa è stata messa in atto e il sistema dei centri Sprar non è ancora operativo e in grado di fronteggiare l’emergenza.

Mi chiedo, inoltre, quanto ha speso la collettività per le operazioni di trasferimento dei migranti operate della prefettura di Imperia su impulso del Ministro: vorrei ancora sapere se il ministro ha a disposizione numeri precisi, stime per i prossimi mesi e un quadro completo e dettagliato di quanto è stato fatto finora. La mia preoccupazione è che il ministro navighi a vista, e che la sua passerella elettorale sia stata l’ennesima beffa per cittadini e migranti. I dati, ad oggi, ci dicono che solo in Libia ci sono oltre 150 mila migranti in attesa di partire, la gravità della situazione impone risposte adeguate, che Alfano ancora una volta ha dimostrato di non avere.

In allegato In Ventimiglia 2 alla Camera proprio sulla gestione dell’emergenza a Ventimiglia.

[ssba]
Commenta