• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Senza categoria » Trapani, l’aborto impossibile e la legge 194 dimenticata
21/06/2016 Trapani, l’aborto impossibile e la legge 194 dimenticata

Come Sinistra Italiana, abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare alla ministra della salute Beatrice Lorenzin – di cui sono la prima firmataria – per approfondire e rispondere alle criticità dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani (unica struttura pubblica della città), dove le donne non possono più ricorrere a aborti chirurgici e ad aborti dopo i 90 giorni perché l’unico medico non obiettore dei sette dottori del reparto di ginecologia è andato in pensione. Restano così altri sei colleghi, che però sono tutti obiettori, così come è stato riportato dai media.

Alla ministra Lorenzin chiediamo se non reputi indispensabile obbligare fin da subito ogni struttura pubblica o del privato accreditato (sia essa un ospedale o un consultorio) di applicare la legge 194 e fare in modo che solo a fronte del rispetto di questo impegno possa essere concesso o revocato l’accreditamento.

Abbiamo inoltre chiesto quali azioni, anche di carattere normativo, si intendano avviare al più presto al fine di assicurare, come prevede la legge 194, il reale ed efficiente espletamento da parte di tutti gli enti ospedalieri e delle strutture private accreditate, delle procedure e gli interventi di interruzione della gravidanza chirurgica e farmacologica.

[ssba]
Commenta