• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Blog » Scontri università, irruzione polizia gravissima
13/02/2017 Scontri università, irruzione polizia gravissima

È gravissima l’irruzione violenta della polizia nell’università di Bologna. Mentre gli studenti manifestano da giorni per difendere l’apertura della Biblioteca di discipline umanistiche, risorsa preziosa per l’università e per la città tutta, il Rettore, l’unico abilitato a consentire interventi di questo tipo, autorizza l’ingresso e le cariche della polizia contro gli studenti.

Un rettore che dovrebbe farsi ogni giorno garante della tutela della università quale spazio inviolabile di libertà e di confronto, luogo di accesso ai saperi e di socialità, e che al contrario avalla azioni di controllo e di repressione violenta contro gli studenti, dovrebbe prendere atto del tradimento del suo mandato e dimettersi per incapacità e incompatibilità con i precetti costituzionali.

Cos’ha da dire la ministra Fedeli? La difesa della funzione inclusiva e pubblica dell’università e del protagonismo degli studenti sono ancora pilastri fondamentali o la logica individualistica del merito e dell’eccellenza ha definitivamente asservito i saperi al solo profitto e al suo braccio operativo dell’ordine e della repressione? Gli studenti non si toccano: a loro va la massima solidarietà e il pieno sostegno nelle lotte in nome della conoscenza libera e gratuita.

[ssba]
Commenta