• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Senza categoria » RAI, la nostra proposta per un servizio pubblico “bene comune”
04/03/2015 RAI, la nostra proposta per un servizio pubblico “bene comune”

Vogliamo rilanciare la RAI, riaffermando il ruolo di servizio pubblico e liberandola da lottizzazioni e conflitti di interesse. La nostra proposta è il risultato di una campagna di partecipazione dal basso animata da “MoveOn Italia”, che aspettava da tempo di confrontarsi con la politica. Ed eccoci qua.

È un’ottima proposta, che porterò subito in Commissione di Vigilanza, a Roberto Fico del Movimento 5 Stelle, affinché si avvii subito un terreno di confronto.
Mi auguro, inoltre, che il governo vorrà prenderla in considerazione. Dicono di voler fare presto la riforma della RAI? Bene, noi abbiamo già fatto la nostra parte.

La nostra proposta contiene, fra le altre cose:
– che la RAI resti pubblica
– l’abolizione della Commissione di Vigilanza, attraverso cui la politica controlla i giornalisti
– un Consiglio di Amministrazione scelto dai membri di un Consiglio composto da cittadini, giornalisti, professionisti del mondo dell’informazione e della cultura.
– un canone legato al reddito: chi più ha più contribuisce.

Regole, competenze, qualità, democrazia: questa la nostra sfida per la Rai di domani. Un bene comune, finalmente.

[ssba]
Commenta