• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Senza categoria » Ponte sullo Stretto, Delrio non risponde alle nostre domande
05/10/2016 Ponte sullo Stretto, Delrio non risponde alle nostre domande

Il ministro Delrio non ha voluto rispondere alle nostre domande. Non ci ha detto se ci sono questi 2 miliardi pronti per essere investiti sulla realizzazione del Ponte sullo Stretto, non ci ha detto l’esatto ammontare delle penali. Delrio però ci ha spiegato che è vergognoso che per andare da Roma a Milano ci vogliono tre ore, mentre da Roma a Palermo 10. Caro ministro il problema è che per andare da Trapani a Siracusa ci vogliono oltre 12 ore e 5 cambi. Questa è la realtà, non le favole.

Prima di connettere il Sud Italia al Paese, in Sicilia andrebbe costruita una rete autostradale, non quella da terzo mondo che c’è oggi, andrebbe ripristinato il pilone crollato dell’autostrada Palermo-Catania e completata l’autostrada Siracusa-Gela, che si ferma in mezzo al nulla costringendo gli automobilisti a proseguire su strade secondarie. E quella è una delle tante opere incompiute del nostro Paese. Eppure la passione della classe dirigente di questo Paese, da Berlusconi a Renzi, è tutta concentrata sulla realizzazione del Ponte sullo Stretto. Su questi 6 miliardi di affari che in questo momento non servono a niente: non servono al Paese, e non servono né alla Sicilia e né alla Calabria.

I miliardi che il governo vuole mettere sul Ponte servono invece sul dissesto idrogeologico, solo in Sicilia il 70% comuni è a rischio, mentre Messina è rimasta 21 giorni senza acqua per colpa di una frana. Delrio ha avuto il coraggio di dire che è un’opera modernizzerà il Paese. Si parta dai problemi che ci sono, senza pensare a opere faraoniche inutili.

[ssba]
Commenta