• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Senza categoria » Operazione Aemilia, la ‘ndrangheta si radica anche al centronord
28/01/2015 Operazione Aemilia, la ‘ndrangheta si radica anche al centronord

Che la ‘ndrangheta fosse estremamente radicata nel territorio emiliano romagnolo lo denunciavamo da tempo tuttavia si fa fatica ad accettarne la capillarità che emerge dalla portata dell’operazione Aemilia.
Ogni settore della vita pubblica è coinvolto: dalle professioni alle imprese, dalla politica alle forze dell’ordine, dai giornalisti all’inquinamento delle elezioni amministrative in diversi comuni.
Nonostante la grande attenzione della legislazione regionale, la ‘ndrangheta è entrata negli appalti per la ricostruzione post terremoto.
“In Emilia Romagna abbiamo scoperto la mafia imprenditrice”, ha osservato il procuratore di Bologna Alfonso.
Osservazione pertinente e finalmente certificata, peccato che il radicamento delle cosche in Emilia Romagna e il legame tra queste e pezzi dell’imprenditoria locale sia stato pesantemente sottovalutato dalle istituzioni in questi anni; di “mafia imprenditrice” scrisse Pino Arlacchi nel lontano 1983, evidentemente un trentennio è passato invano.
È necessario quindi che la politica vada oltre gli strumenti finora adottati e promuova la formazione di una coscienza collettiva: la lotta alle mafie non è da affrontare in modo circoscritto ma deve diventare una forma mentale per ogni ambito dell’agire umano.
Questo è l’unico passo possibile affinché la ‘ndrangheta non divori le porzioni di società eticamente sane.

[ssba]
Commenta