• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Senza categoria » Omicidio Regeni, i diritti non si barattano con la libertà di commercio
06/07/2016 Omicidio Regeni, i diritti non si barattano con la libertà di commercio

Il ministro Calenda ci ha detto che è possibile la revoca dell’autorizzazione rilasciata dal Mise all’azienda Area. Bene, era la richiesta di Sinistra Italiana, ora aspettiamo gli atti concreti. Un conto è la libertà di commercio un altro è vendere ai servizi segreti egiziani, gli stessi che in qualche modo hanno a che fare non solo con il caso Regeni ma con tanti altri casi che sono stati denunciati in questi anni, software spia.

Mentre sul caso Regeni l’impressione che ricaviamo è che il governo ha delegato l’intera vicenda esclusivamente alla magistratura mentre sul piano politico, a parte alcune manifestazioni di intenti, non si avverte una pressante richiesta né azioni concrete per arrivare alla verità sull’omicidio di Giulio Regeni. Per scoprire la verità sono necessari atti più forti del richiamo dell’ambasciatore. Il governo dichiari l’Egitto paese non sicuro, sospenda i trattati sulla vendita di armi e permetta al Parlamento di istituire la nostra commissione d’inchiesta parlamentare.

[ssba]
Commenta