• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Senza categoria » Occupazione, le bugie del governo hanno le gambe corte
31/03/2015 Occupazione, le bugie del governo hanno le gambe corte

I dati sull’aumento della disoccupazione e sul calo degli occupati dimostrano che il governo è vittima della propria propaganda. Altro che un milione di posti di lavoro di berlusconiana memoria ritirati fuori ieri dal ministro Poletti. L’idea che le persone si dividono quel poco di lavoro che c’è non è modernità ma guerra tra poveri.

Tutti i problemi del nostro Paese, prosegue Airaudo, rimangono sul tappeto: giovani, donne, lavoratori maturi, partite Iva, licenziamenti e chi è scoraggiato alla fine si arrende e il lavoro non lo cerca più. Renzi si svegli e esca dall’autoipnosi, quanto fatto sul lavoro dal suo governo ha ridotto i diritti e aumentato le diseguaglianze estendendo la precarietà senza intaccare la disoccupazione. Così non va. Per invertire la tendenza servono politiche economiche alternative alla riduzione dei salari e alla svalutazione del lavoro. Serve un intervento pubblico per un piano per il lavoro, un vero e proprio Green New Deal Italiano.

[ssba]
Commenta