• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Senza categoria » Legge di bilancio tra mance e propaganda, le proposte di Sinistra Italiana
22/11/2016 Legge di bilancio tra mance e propaganda, le proposte di Sinistra Italiana

Siamo in commissione Bilancio della Camera dei Deputati a contrastare la legge di bilancio del governo Renzi e a sostenere le nostre proposte emendative. Il governo propone le solite ricette neoliberiste sulle politiche dell’offerta e sulle esportazioni, con sgravi fiscali e contributivi per le imprese, svalutazione del lavoro e privatizzazioni.

Gli investimenti pubblici sono al livello più basso della storia repubblicana. Eppure l’Italia avrebbe bisogno di forti investimenti per rilanciare l’economia e l’occupazione. Keynes non è di moda a Palazzo Chigi.

Il lavoro per noi di Sinistra Italiana è al primo posto ed è possibile creare tanti posti di lavoro affrontando seriamente le grandi questioni del Paese come ad esempio la messa in sicurezza del territorio, la prevenzione del rischio sismico, la qualificazione dei servizi pubblici, il sostegno al sistema produttivo a partire dal tessuto prezioso delle piccole e medie imprese italiane.

Esiste una grande questione sociale aggravata dalla enorme e intollerabile crescita delle disuguaglianze che hanno allargato l’area della povertà e del declino di intere aree del nostro Paese, in particolare nel Mezzogiorno.
I deputati di Sinistra Italiana hanno presentato centinaia di emendamenti con la segnalazione finale di 66 di essi che consideriamo prioritari.

Leggere i titoli di questi emendamenti rende l’idea di come stiamo lavorando per ricostruire un punto di vista di sinistra sulle grandi questioni economiche e sociali del Paese.

Abbiamo proposto: un piano straordinario per il lavoro e gli investimenti pubblici, un piano strategico per il trasporto ferroviario e la mobilità sostenibile, reddito minimo, misure per i lavoratori delle partite IVA, stabilizzazione personale pubblico precario, incremento fondo sanitario nazionale, abrogazione superticket sanitari, incremento del Fondo per le non autosufficienze, consultori, maternità e paternità responsabile, diritto allo studio, borse di studio, finanziamenti per le università, gratuità delle ricongiunzioni contributive, politiche abitative e fondo sociale per le locazioni, superamento della legge Fornero sulle pensioni, esposizione dei lavoratori all’amianto, cannabis e destinazione di risorse all’emergenza sismica, gratuità dei servizi socioeducativi all’infanzia per le famiglie con reddito inferiore a 30 mila euro, risorse agli asili nido, rinegoziazione dei mutui di comuni e regioni, Tobin tax, web tax per far pagare le tasse alle grandi multinazionali del web, servizio civile, difesa civile non armata, più fondi alla cooperazione internazionale allo sviluppo, tasse sulle barche di lusso, quota 96, corpi civili di pace, diminuzione delle tasse sui voli aerei, riscatto della laurea per la pensione, ecobonus, bancomat gratuito per tabaccai e benzinai, finanzia etica, sospensione del piano Poste Spa, piano per le periferie, più fondi ai parchi nazionali, quota inoptata dell’8 per mille allo Stato, libretto unico del fabbricato, impianti fotovoltaici e smantellamento delle coperture eternit, zona franca per le aree dei terremoti, contrasto alle delocalizzazioni produttive, sostegno alle aziende in crisi, risorse sufficienti per i contratti di solidarietà con la diminuzione dell’orario di lavoro, camere di commercio, più risorse per i contratti del pubblico impiego, soppressione Ape no social, stabilizzazione dei vigili del fuoco, proroga dei contratti in scadenza per i precari della PA, soppressione fondo Natta e destinazione delle risorse al reclutamento dei docenti, human tecnopole, fasce esonero tasse universitarie, diminuzione risorse per le scuole paritarie, fondo start up per economia solidale, Ape per gli edili, Ape per i lavoratori marittimi, portuali e operatori sociosanitari.

[ssba]
Commenta