• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Proposte di legge » Carceri: beneficio della liberazione anticipata speciale
26/11/2013 Carceri: beneficio della liberazione anticipata speciale

Nell’ordinamento penitenziario vigente, l’istruzione ha un ruolo di rilievo nel «trattamento» che accompagna il percorso del detenuto verso la meta della rieducazione e del reinserimento sociale, stabilita dall’articolo 27, terzo comma, della Costituzione.
Purtroppo le attuali condizioni materiali delle carceri – è ben noto – non consentono che le previsioni ordinamentali si traducano appieno in opere concrete. Proprio in queste condizioni, incentivare la lettura può costituire, sia per i detenuti che per gli operatori penitenziari, uno strumento utile per fare della formazione culturale un fattore decisivo nell’opera di recupero.
Questa proposta di legge mira a realizzare questo obiettivo, riconoscendo una detrazione di pena al detenuto che, individualmente o in gruppi organizzati all’interno del carcere, scelga la lettura del libro come momento di partecipazione al percorso di rieducazione e introducendo, a questo scopo, il beneficio della liberazione anticipata speciale. Il nuovo istituto può, peraltro, costituire un efficace incentivo alla partecipazione ai corsi di istruzione, secondo quanto proposto nel novellato articolo 27 della legge n. 354 del 1975 sull’ordinamento penitenziario.

Consulta il testo integrale della proposta di legge, attualmente in esame alla II Commissione Giustizia.

[ssba]
Commenta