• Gruppo Sinistra Italiana
Home » Blog » Banche, aumentano le spese dei c/c per coprire i costi del salvabanche
07/06/2017 Banche, aumentano le spese dei c/c per coprire i costi del salvabanche

Le nostre banche sono le più care d’Europa per i costi dei conti correnti ma questo sembra non bastare. Dopo Banco Popolare, UBI (Unione Banche Italiane) e UniCredit, che già l’estate scorsa avevano provveduto ad aumentare i costi dei conti correnti, ora tocca a Banca Intesa.
Il gruppo Intesa San Paolo ha, infatti, annunciato ai propri clienti che dal prossimo 1 agosto aumenterà il costo di tutti i conti correnti con giacenza media superiore ai 2.000 euro. Una cifra molto bassa che permetterà alla Banca di colpire quasi tutti i suoi correntisti. Una vera e propria batosta nel silenzio del Governo.

Parliamo di lavoratori e pensionati che vedranno in molti casi schizzare da 0 a 120 euro le commissioni annue. Ci sono tanti modi per mettere le mani nelle tasche dei lavoratori e quelli indiretti, come questo, sono i peggiori. Anche se le banche in questione non lo ammetteranno mai, l’aumento è legato alla necessità di coprire i costi legati al fondo salva banche. E quale miglior modo per recuperare i capitali messi nei non-salvataggi organizzati dai governi Renzi-Gentiloni?
Mettere le mani nei conti correnti di noi italiani senza che dal Governo nessuno dica niente.

[ssba]
Commenta